+39 06 9293 6963
info@artscom.it

Lun/Ven 9:00~18:00

L'importanza del rimanere idratati durante i lunghi viaggi

I viaggi intercontinentali sono uno dei problemi che prima o poi un cantante lirico deve affrontare. I due problemi principali sono:

  1. il dover condividere spazi ristretti con molte persone, esponendosi al rischio di venire a contatto con batteri
  2. la secchezza dovuta alla disidratazione per l’aria particolarmente secca

La soluzione più proficua sarebbe quella di utilizzare un jet privato ma, ahimè, i tempi che i cantanti si potevano permettere tali lussi sono lontani (o forse non ci sono mai stati). In passato si usava recarsi nei continenti lontani in nave, il viaggio durava molti giorni e spesso le compagnie teatrali sfruttavano questo tempo per fare le prove direttamente in nave. Spazi più ampi, umidità costante, relax, insomma c’era modo e tempo di arrivare “sani” a destinazione, pronti per cantare le recite.

E quindi oggi che si fa?

Mi vengono in mente molti esempi di artisti che si sono organizzati con mascherine di fortuna, spesso quelle di carta per uso medico, che se da un lato riparano dal contatto diretto con elementi patogeni e batteri, dall’altro danno a chi le indossa quell’aspetto di “appestato” che tanto non piace a noi occidentali.

Chi ha avuto la fortuna di fare tournée internazionali con il grande tenore Nicola Martinucci saprà già la sua maniacale attenzione ad indossare una mascherina non appena arrivi in vista dell’aeroporto! (Maestro un caro saluto e un abbraccio pieno di stima come sempre).

Si perché in Oriente, è normale indossare una mascherina quando non si sta benenon per evitare di peggiorare la propria condizione di salute, ma per tutelare gli altri da noi, un’inversione di responsabilità che da noi è completamente sconosciuta.

Tendiamo a proteggere unicamente noi stessi ma la domanda più importante è:

e se ci fosse un modo per tutelarsi meglio?

https://mlutuwbqisbh.i.optimole.com/w:auto/h:auto/q:mauto/f:best/https://www.artscom.it/wp-content/uploads/2019/11/Humidiflyer-01.jpg

Vola più in salute

Dall’Australia arriva la soluzione al problema:

Humidiflyer: come tutelare la propria salute senza sembrare un terrorista - ArtsCom

 

COME FUNZIONA

La stanchezza che provi quando arrivi a destinazione dopo un lungo volo, spesso noto come “jet lag“, è causata dal respirare aria secca più e più volte per una lunga durata.
Questo e gli altri sintomi che si verificano – naso secco, mal di gola, possibilmente un’infezione alla gola o al torace – sono esiti diretti del tuo corpo che riceve umidità insufficiente per soddisfare le sue esigenze. La maschera da viaggio HumidiFlyer è la tua prima difesa! Anche bere molta acqua è importante, ma non allevia direttamente l’impatto dell’aria secca sul sistema respiratorio.

HumidiFlyer è una comoda maschera filtrata progettata per i viaggi aerei, che intrappola l’umidità espirata dal respiro. Quando inspiri, quell’umidità viene quindi utilizzata per umidificare l’aria secca della cabina.

Riciclaggio semplice!

Ciò consente all’aria che respiri di rimanere umida, prevenendo la disidratazione che contribuisce al jet lag e alle infezioni. Usando la maschera da viaggio HumidiFlyer, arriverai nelle migliori condizioni possibili.

COME FUNZIONA

La stanchezza che provi quando arrivi a destinazione dopo un lungo volo, spesso noto come “jet lag“, è causata dal respirare aria secca più e più volte per una lunga durata.
Questo e gli altri sintomi che si verificano – naso secco, mal di gola, possibilmente un’infezione alla gola o al torace – sono esiti diretti del tuo corpo che riceve umidità insufficiente per soddisfare le sue esigenze. La maschera da viaggio HumidiFlyer è la tua prima difesa! Anche bere molta acqua è importante, ma non allevia direttamente l’impatto dell’aria secca sul sistema respiratorio.

HumidiFlyer è una comoda maschera filtrata progettata per i viaggi aerei, che intrappola l’umidità espirata dal respiro. Quando inspiri, quell’umidità viene quindi utilizzata per umidificare l’aria secca della cabina.

Riciclaggio semplice!

Ciò consente all’aria che respiri di rimanere umida, prevenendo la disidratazione che contribuisce al jet lag e alle infezioni. Usando la maschera da viaggio HumidiFlyer, arriverai nelle migliori condizioni possibili.

Come si usa?

Ogni HumidiFlyer viene fornito con consigli per la pulizia. La maschera deve essere pulita dopo ogni volo. L’intera maschera, incluso il filtro in schiuma verde, può essere lavata con acqua calda e sapone. Risciacquare abbondantemente con acqua dolce e lasciare asciugare completamente.

NOTA Il filtro in schiuma si espande quando viene lavato. Si ridurrà a misura quando asciutto.

Ecco alcuni suggerimenti che renderanno l’utilizzo di HumidiFlyer un’esperienza ancora più semplice e divertente:

  1. Conservare la borsa di stoffa fornita con HumidiFlyer. Conservare la maschera nella borsa dopo ogni volo e pulizia
  2. È possibile ottenere ulteriori vantaggi posizionando alcune gocce di oli per aromaterapia sul filtro. L’olio di eucalipto è particolarmente benefico per i seni.
  3. Molti viaggiatori lo usano anche in camere d’albergo climatizzate e asciutte quando dormono.
  4. Bevi molta acqua durante il volo per favorire l’idratazione e ridurre al minimo alcol, tè e caffè poiché hanno un effetto disidratante.
  5. Dormi il più possibile ed evita di guardare troppo intrattenimento. Questo disidrata i tuoi occhi.

Il sistema HumidiFlyer non utilizza batteria, spray o gel, unicamente l’umidità del tuo corpo. HumidiFlyer è eco-friendly.

Come funziona il filtro?

HumidiFlyer contiene un filtro in schiuma che mantiene l’umidità naturale e i livelli di temperatura dell’aria e li utilizza per condizionare l’aria secca della cabina in cui si respira. Può anche filtrare polvere e particelle estranee dall’aria che si respira.
Il filtro è un mezzo a trama aperta che consente al respiro di passare attraverso di esso e intrappola l’umidità dal respiro all’uscita. Quando si inspira, l’umidità dal filtro viene nuovamente raccolta. Essendo un mezzo a trama aperta, nella maschera non rimane anidride carbonica residua.

Hai bisogno di informazioni?
Contattaci al numero 0692936963 dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle 14:30 alle 18:00

Logo ArtsCom 2x negative

ArtsCom S.r.l.

Sede legale:
Via Cassia 699 – 00189
Roma (RM)

Sede operativa:
Via Armando Diaz 23 – 00069
Trevignano Romano (RM)

Tel.: +39 06 92936963
Fax: +39 06 21121361
E-Mail: segreteria@artscom.it
PEC: artscom@pec.it 
P.IVA: 14725131008
Codice Destinatario: M5UXCR1

Capitale Sociale € 31.118 i.v.

COLLABORA CON NOI:

L’elenco delle posizioni disponibili in ArtsCom è raggiungibile a questo indirizzo

SOCI CONFCOMMERCIO

SEGUICI SU:

OBBLIGHI INFORMATIVI PER LE EROGAZIONI PUBBLICHE

Gli aiuti di Stato e gli aiuti de minimis ricevuti dalla nostra impresa sono contenuti nel Registro nazionale degli aiuti di Stato di cui all’art. 52 della L. 234/2012 a cui si rinvia e consultabili al seguente link https://www.rna.gov.it/

Copyright © 1970-2099 | All rights reserved | Powered by Ourselves

Translate »